Skip to main content

Viaggio nell’Amigdala

La scorsa settimana rileggendo Kahneman, mi ha preso il nuovo il trip degli aspetti cognitivi comportamentali e dopo i Bias e le euristiche, chiudo il cerchio parlando dell’amigdala e poi la prossima settimana cambio argomento.

Vi è mai capitato di provare quel momento in cui il cuore ti batte forte, le mani sudano e senti una strana sensazione di paura anche se, razionalmente, sai che non c’è niente di cui preoccuparsi? Beh, puoi ringraziare una piccola parte del tuo cervello chiamata amigdala per questa reazione. 

Cos’è l’Amigdala?

L’amigdala è situata nel profondo del cervello, all’interno del lobo temporale. È una piccola struttura a forma di mandorla che fa parte del sistema limbico, coinvolto nella regolazione delle emozioni e delle risposte comportamentali.

Il sistema limbico è una rete di strutture nel cervello che gestisce le emozioni, la memoria e i comportamenti. Include l’amigdala, l’ippocampo, il talamo e l’ipotalamo. È cruciale per la regolazione delle reazioni emotive e per la formazione dei ricordi. Questo sistema gioca un ruolo fondamentale nelle risposte istintive e nell’elaborazione delle emozioni.

Infatti, Il sistema limbico, in particolare l’amigdala, è fondamentale nella risposta “lotta o fuga”. Quando percepiamo una minaccia, l’amigdala attiva rapidamente questa risposta, genera adrenalina, preparando il corpo a combattere o scappare. Questo coinvolge l’attivazione del sistema nervoso autonomo, aumentando il battito cardiaco, la respirazione e la tensione muscolare, garantendo una reazione immediata per affrontare il pericolo.

Anche se è piccola, ha un ruolo enorme nel modo in cui viviamo le emozioni. Immagina l’amigdala come il vigile del fuoco del tuo cervello, sempre pronta a intervenire in caso di emergenza. Quando percepisce un pericolo, attiva immediatamente una serie di risposte fisiche e mentali per proteggerti.

La funzione principale dell’amigdala è processare e regolare le emozioni, specialmente quelle legate alla paura e all’ansia. È come un radar emotivo che scandaglia l’ambiente alla ricerca di minacce. 

Per esempio, se stai camminando per strada e improvvisamente vedi un serpente, l’amigdala interviene prima ancora che tu abbia il tempo di pensare. È una risposta che ha salvato molte vite nel corso dell’evoluzione.

L’amigdala non si occupa solo di situazioni di pericolo immediato. Ha un ruolo significativo anche nel modo in cui prendiamo decisioni quotidiane. Quando dobbiamo scegliere se accettare un nuovo lavoro, parlare in pubblico o affrontare una discussione difficile, l’amigdala può influenzare il nostro processo decisionale attraverso le emozioni.

L’Amigdala e i Bias Cognitivi

L’amigdala gioca un ruolo cruciale anche nei bias cognitivi, che ci portano a prendere decisioni irrazionali. 

Un bias influenzato dall’amigdala è il bias del negativismo, che ci fa dare più peso alle esperienze negative rispetto a quelle positive. Questo succede perché l’amigdala è programmata per prestare maggiore attenzione alle minacce, un meccanismo evolutivo che ci ha aiutato a sopravvivere. Tuttavia, nella vita moderna, questo può portarci a ricordare maggiormente le critiche rispetto ai complimenti, e a farci andare a casa insoddisfatti anche se dopo una buona giornata abbiamo fatto una sola cosa negativa. 

Sapere che l’amigdala può interferire con le nostre decisioni è il primo passo per gestire la sua influenza. Ecco alcuni suggerimenti:

Consapevolezza: essere consapevoli dei momenti in cui le emozioni stanno guidando le nostre decisioni ci permette di fare un passo indietro e valutare la situazione in modo più razionale.

Pratica della Mindfulness: la mindfulness aiuta a mantenere la calma e a osservare i pensieri e le emozioni senza giudizio, riducendo l’impatto delle risposte emotive automatiche.

Ristrutturazione Cognitiva: Imparare a ristrutturare le situazioni in modo positivo può ridurre la risposta emotiva negativa dell’amigdala.

L’amigdala è una struttura cerebrale fondamentale che gioca un ruolo cruciale nelle nostre emozioni e nelle decisioni quotidiane. Comprendere come funziona e come influisce sulle nostre scelte può aiutarci a gestire meglio le nostre reazioni emotive e a prendere decisioni più equilibrate e razionali. Anche se non possiamo eliminare completamente l’influenza dell’amigdala, possiamo imparare a riconoscerla e a bilanciare le nostre emozioni con la logica per migliorare la qualità della nostra vita.

Sono un High Performance Coach: alleno atleti professionisti, sportivi, manager e imprenditori che desiderano elevare il proprio livello di performance, migliorando lo stato di benessere. La mia specializzazione è lavorare su stress e pressione. Da atleta, analista finanziario, imprenditore ho sperimentato la stretta relazione tra pressione e performance. Saper gestire lo stress e la pressione è fondamentale per ottenere la massima prestazione sia in campo sportivo, sia nelle attività professionali.

×